Marco Carta contro Martha Rossi: lui l’accusa di rubare soldi! Scontro e chiarimento via web!

Marco carta lite

A quanto pare lo scontro tra Marco Carta e Martha Rossi si è concluso in una bolla di sapone. Non sappiamo cosa sia successo e forse non lo sapremo mai. Fatto sta che il cantante Sardo qualche giorno fa aveva scritto sui suoi social:“Un appello importante a tutto il WordPaper: togliete il follow a chi ha cercato di sfruttarmi palesemente, a chi ha sfruttato pure voi e i vostri soldi con collette false (che io avrei dovuto impedire). Quel video sarà venuto alla metà dei soldi che le avete dato, gli altri probabilmente saranno andati in saccoccia“.
Fino all’appello finale: “Per favore non seguitela più se siete miei veri sostenitori. Io non vi voglio condividere con nessuno“.
Quindi la bionda aveva dibattuto: “È sempre spiacevole trovarsi in certe situazioni che sembrano ricordare il bullismo a scuola o i piccoli paesini dove si lavano i panni sporchi in piazza. Lascerei correre stendendo un velo pietoso per eleganza, ma non posso astenermi dal commentare solo per quanto riguarda la questione del videoclip e del crowd funding. I soldi di quel video sono stati tutti spesi per la realizzazione del video stesso, che è pronto da tempo ma non è ancora stato pubblicato perché è ancora in corso da parte mia la ricerca di una etichetta discografica che possa darmi una mano a diffonderlo nel mondo più giusto, a maggior ragione perché è stato realizzato con l’aiuto di chi mi ha dato fiducia e mi stima: voi. Il video sarà pubblicato, e la qualità e produzione sarà sufficiente a “dimostrare” che i soldi sono stati utilizzati interamente e solo per il videoclip. Ringrazio voi che state attendendo di scoprire cosa ho cercato di realizzare con la mia passione e il vostro supporto. Per tutto il resto non mi sento di aggiungere niente. Ho provato a chiarire quelli che pensavo essere fraintendimenti con il diretto interessato, ma devo purtroppo accettare che questo è ciò che l’altra persona preferisce fare, piuttosto che confrontarsi con me rispondendo a una delle mie numerose telefonate per poter andare avanti in una amicizia oppure chiuderla, in maniera civile. Chiunque scelga di non seguirmi più seguendo questa campagna d’odio e cyber bullismo dell’ultimo minuto lo faccia, consapevole di quanto possa lasciare senza parole chi chiede “ai propri sostenitori” di non seguire più qualcuno. Nonostante mi senta ferita da questo totale cambio di rotta da parte di una persona a cui tengo, non cambia l’affetto che provo per te, che spero un giorno, quando la rabbia sarà diminuita così da permetterti di vedere di nuovo la realtà, potrai realizzare. Continuerò a volerti bene in silenzio, nonostante l’amarezza“.

Quindi, pochi giorni fa, il presunto “chiarimento” sui social:
Marco carta

Commenti

Commenti