È arrivato il nuovo singolo di Cortex

cortex

cortex

Si intitola “Amo un popolo presente” ed è il nuovo singolo di Cortex in uscita in questi giorni per Maninalto Records. Anticipazione gustosa e intrigante, sovversiva a tratti, come nella sua piccola e ancora giovane tradizione. Un video che sottolinea righe importanti oltre le quali andare per restituire a questa canzone il vero senso della sua genesi. Aspettando che esca il suo disco eccovi una bella chiacchierata speciale!

Un nuovo singolo che mette subito le mani avanti. Sociale e attualità. Il resto del disco?
Tutto il disco è improntato sulla denuncia di un mondo con una società corrotta e non rispettosa di madre natura. Analizzo vari aspetti di questa decadenza della nostra società e ci sarà pure un pizzico di ironia condita con una cover.

Più che lo-fi trovo che ci sia del “brit pop” molto elettronico. Sbaglio?
Beh… non sbagli io adoro il brit pop e lo trovo molto elegante. Sono un grande fan dei Beatles e di Donovan e non mi dispiace affatto il genere pop, ma non riesco a rinunciare alle chitarre elettriche disastrate ed ai distorsori…

Mi incuriosisce il logo di Cortex. Da dove salta fuori?
Parli della faccia da cesso? Quella è un’opera di Jan Sedmak che ho scelto per rappresentare il nuovo lavoro. Jan un promettente creativo delle arti visuali che collabora con me fin dal primo demo cortex
O forse ti riferisci all’occhio? Beh, l’occhio è stato disegnato sempre da Jan però su commissione, una di quelle cose che i creativi odiano: gli sono arrivato in studio con una bozza disegnata da me, volevo realizzare un fotomontaggio con tecniche vintage ma. Jan mi ha fatto uno splendido disegno, ne sono rimasto affascinato e l’ho scelto come logo di Cortex.

La prima grande differenza dopo l’entusiastico “Cinico Romantico”?
La prima grande differenza?… non parlo d’amore, poi suono di più la chitarra e le canzoni sono nate sul palco e le ho portate in studio mentre cinico romantico è nato in studio e l’ho portato sui palchi.

La prima grande conservazione? Cioè: cosa senti che ti porterai sempre dietro?
Sarà molto difficile separarmi dalla mia chitarra. (anche se non è detta mai l’ultima parola 😉 )

Un nuovo disco…un nuovo Cortex?
Cortex è sempre lo stesso, metto solo in luce altri aspetti della mia creatività musicale nulla di diverso, almeno secondo me… sai è difficile guardarsi allo specchio quando ci si vede ogni giorno… GUARDA VIDEO

Commenti

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: