IRA GREEN: da THE VOICE OF ITALY al TOUR ITALIANO

ira

ira

Ufficializzate in questi giorni le prime date del tour italiano della più giovane rocker nostrana. La conosciamo tutti dopo il successo a THE VOICE OF ITALY: parliamo della 26_enne campana IRA GREEN che ha travolto tutti con la sua grande energia del tutto “americana”. In rete il video ufficiale del suo primo singolo “Mondo Senza Regole” che in poche settimana ha superato le 100 MILA visualizzazioni. Si parte dal 5 Febbraio da Lucca. Tutte le info su www.iragreen.it. L’intervista per gli amici di BOXMUSICA

Al via il tuo primo tour italiano. Ambizioni e obiettivi?
l primo obiettivo che mi sono posta è non fermarmi, in quanto quest’ultimo non sia in effetti un obiettivo, è segno che non voglio smettere di credere in tutto ciò che creo o creerò.

Un occhio al mondo dei Talent per chi c’è stata: cosa puoi dire ai ragazzi che ormai sembra abbiano solo questo come punto di riferimento?
Ai ragazzi che scelgono di intraprendere questa piccola scelta dico di avere gli occhi aperti, fino a quando si è dentro ci sarà sempre qualcuno che cercherà di convincere inconsciamente il vostro essere di aver raggiunto una grande tappa, mentre il vero lavoro lo si esercita sempre fuori…

Il ROCK in Italia secondo IRA GREEN?
Il rock in Italia non penso sia mai esistito salve pochi esempi e per breve periodo. Forse sono troppo drastica ma ritengo che ci sia bisogno di aria nuova, non di pop travestiti da rock che accontentano le masse. Si è persa la voglia di scoprire affidandosi ai soliti “miti” ed “idoli” che ormai, come dei vecchi re non lasciano il trono alle giovani generazioni.

Colonne e ispirazione. Quanto hai rubato dall’Italia e quanto dal resto del mondo?
All’Italia ho rubato ben poco se non la passione per l’arte culinaria. A livello musicale non tendo a rubare, cerco in me stessa più che in altri, altrimenti non ci sarebbe crescita. Cercare in altri ciò che non si ha già destabilizza il carattere e l’anima.

Un “Mondo senza regole”: il tuo disco che regole avrà? Conterrà anche questo singolo?
Le regole sono ormai quasi segno di paradossale ribellione. Come già detto io vado a briglie sciolte, non mi piace pormi freni e limiti di conseguenza le regole non fanno parte del mio mondo. Sono rispettosa, sono civile ma la musica, per essere celebrata in modo corretto e dignitoso, non merita regole. Nel disco sarà presente la versione in inglese di Mondo senza regole, ossia Music’s tramp.

Commenti

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: