Orfeos: l’esordio più americano d’Italia

Orfeso

Orfeso

Il cantautore milanese Orfeos concretizza gli anni di grande carriera musica tra progetti cover e collaborazioni varie in un disco di 12 inediti dal titolo “Libertà!”. Non aspettiamoci niente che sia di pop leggero italiano, niente che somigli ad una forma canzone canonica e radiofonica. Niente che sia scontato come la più classica delle rime. Spiritualità è la parola chiave per comprendere e vivere al meglio questo disco di sfacciato soul nero d’America, trasparenti tracce portoricane e qualche condimento per palati fini dalla grande scuola internazionale fatta di arrangiamenti gustosi, drumming di maniera e niente che sia ostentato e spocchioso. Insomma un disco che non stiamo qui a dipanare per non banalizzarne la fattura. A breve in rete un video ufficiale. L’intervista per gli amici di BoxMusica:

Soul americano trapiantato in Italia. Come pensi sia riuscito questo esperimento?
Questo progetto così particolare è stato realizzabile solo grazie al fatto che all’età di 4 anni, questo genere musicale lo sentivo già vicinissimo al mio cuore e all’anima e non smettevo mai di ascoltarlo, cantarlo e ballarlo.
Questo mi ha portato ad ascoltare e studiare quotidianamente artisti come Michael Jackson, Prince, Otis Redding, James Brown e molti altri, certamente anche italiani (come Pino Daniele, Alex Britti, Zucchero, Bennato, ecc.) che prima di me sono stati contagiati dal groove funky, dal blues e dal soul, profondamente.
Dopo molti anni di studi, pratica, ricerca e passione sugli strumenti e sulle canzoni di questi maestri e grandi artisti ho deciso di scendere dai palchi dove QUASI SEMPRE cantavo in inglese (trovandomi spesso ad esibirmi all’estero).
Ho dunque costruito con le mie forze e con le mie mani il mio studio, in quello che prima era un garage…ho trovato il coraggio di mescolare la mia vita personale con le mie conoscenze e con le mie radici.
E mosso prima dal tragico evento della perdita di mio padre adottivo A.Spagnulo e durante la produzione, anche di mio nipote, ho sentito arrivare tutto molto chiaramente dentro di me come se la ricetta musicale migliore si fosse impressa magicamente nella mia testa.
Ogni viva emozione, grazie all’unione sincera delle persone che mi hanno aiutato a completare questa creazione, sono insieme alle mie note e parole, la vibrazione che sentirete in ogni brano. Sono gli ingredienti fondamentali di questo nuovo genere che grida in italiano, con sound internazionale forte e chiaro, Libertà!

Possiamo definire questo disco un lavoro cantautorale secondo te?
Assolutamente si, il mio primo intento era quello di creare oltre ad un nuovo sound per noi italiani, dei testi cantautorali veri…nuovi, sempre pieni di significati autentici e nobili, che non risultassero banali e scontati al primo ascolto.
E mi aiutano i vecchi vinili di famiglia per questo e l’amore che nutro per gli scrittori di quegli anni, come ad esempio il geniale Mogol (al fianco di L. Battisti) che porterò sempre nel cuore e nel mio bagaglio culturale.

Sono chiare e sincere le tracce entro cui rintracciare la tua musica. Ci guidi tu all’ascolto?
Volentieri, ciao…sono Orfeos, chiudete gli occhi, liberate la mente e agganciatevi forte al treno psichedelico della vostra vita.
Essa nasconde molti tesori e drammi…che si formano in diverse fasi, tutte molto definite.
Le attraverseremo insieme…TUTTE in 12 tracce.
Il tempo è relativo? Probabile…ma nel caos cosmico io credo, che per ogni uomo, donna e bambino, il battito del tempo sia paragonabile al battito e al “groove” che abbiamo nel cuore.
Un magico eco, molto personale, racchiuso in ognuno di noi, con un determinato ciclo, spontaneo e INFINITO, nato dall’energia che da sempre chiamiamo…AMORE.

Perchè l’Italiano? Perchè non restituire l’inglese alla tua musica? Ascoltando i tuoi testi probabilmente saprei come rispondere da solo…
Perché la mia “missione” è proprio quella di usare ogni mia energia ed esperienza per riflettere la radice di una magica luce spirituale che si tramanda nel soul, con il ritmo (GROOVE) della mia vita e di quella di ogni essere umano che ho conosciuto.
Un messaggio di vera fusione culturale che nasce in una terra (in senso universale) divisa fisicamente solo dalle acque, ma che è unita nello spirito da secoli al resto del mondo grazie alla propria cultura e alla storia dell’uomo.
Ovunque egli sia, cammina ogni giorno sul suo pianeta, dal tempo della divisione della Pangea fino ad oggi, tramandando ogni cosa con le proprie mani e il suono della sua voce che si evolve nel tempo, cercando di rispettare con lo spirito ciò che di buono arriva in comune dalla bocca, dall’anima e dal cuore dei nostri padri e delle nostre madri. 

Un video. A quando il primo video di Orfeos?
Presto mi auguro e amando molto il cinema e la psichedelia, posso solo anticiparvi che stiamo lavorando al video in questi giorni, dedicando a questo il tempo necessario e la cura dovuta, affinché ogni istante possa davvero rendere l’idea del mondo fantastico e pieno di energia in cui io stesso mi sento totalmente immerso (quasi magicamente) ogni volta che penso ad una canzone qualsiasi di questo mio primo album

Commenti

Commenti

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: