WALAMAGHE: il nuovo Ep, etereo e infinito

walamaghe

walamaghe

Esordio che poi esordio non è. Di sicuro il primo capitolo di un passaggio da musicista, turnista ad artista cantautore in una solitudine espressiva che genera solo ricchezza. Il suo primo EP come cantautore si intitola “Come i Pesci” (Zimbalam 2015), un concentrato di 5 dipinti a tinte pastello, tra pop elettronico e quella canzone d’autore moderna che racconta i sentimenti con coralità e pochissime didascalie. Walamaghe (nome d’arte di Kheyre Yusuf Abukar Issak) dal 3 luglio sarà anche in rete con il suo video di lancio del primo estratto dal titolo “Alfonso”.

Walamaghe. Oltre ad una radice familiare, che significato ha… se ne ha qualcuno?
La parola Walamaghe in se non ha nessun significato se non quello che gli ho attribuito io.
In ordine cronologico Walamaghe é l’ultimo dei miei avi di cui si conosca il nome e per me rappresenta una sorta di viaggio a ritroso nel tempo volto a riportare qualcosa di antico e farlo vivere nella contemporaneità.

Dal Jazz alla canzone d’autore passando per i suoni crudi di un garage. Il tuo vero Habitat?
Il mio Habitat naturale é una canzone intima. Voce, pianoforte e poco altro. Un atmosfera rarefatta in cui poter lavorare d’immaginazione. Le suggestioni mi interessano più di qualsiasi altra cosa ma ho uno spirito fortemente ricercatore e non riesco proprio a contenere questa mia indole, devo spaziare di genere in genere continuamente. Dopotutto credo che il confrontarsi con musiche nuove (almeno per me) e l’approcciare metodi di lavoro differenti non possa che arricchire una produzione musicale.

Questo EP segna un passaggio ed un “esordio” importante. Perché la scelta di un EP e non di un disco?
E’ stato un suggerimento che ho accettato di buon grado. Credo che un EP sia una scelta più prudente quando si esordisce con un nuovo progetto. Avevo brani sufficienti per un album intero ma ho preferito darmi il tempo di capire se andavano tutti nella direzione giusta ma soprattutto quale fosse questa direzione. Non ho fretta. In passato ne ho avuta fin troppa e ho preso strade sbagliate. Ora con un pò di maturità in più dalla mia voglio concedermi il tempo di pensarci su e non scegliere sempre di pancia.

Da Luglio il video ufficiale del singolo “Alfonso”. Cosa racconterai nello specifico?
Mi piacerebbe fossero le immagini a parlare ma basti dire che non amo particolarmente i Clip in cui il testo del brano é didascalmente legato alle immagini. Preferisco che la musica faccia semplicemente da colonna sonora.
Partendo da questo presupposto la canzone va in una direzione e il video in un altra. Non saranno propriamente “direzioni diverse” ma di sicuro creeranno una sorta di sdoppiamento significativo e chi vedrà il video prima cercherà di capire cosa raccontano le immagini e in un secondo momento rifletterà sul testo.

Sperimentazione, personale e professionale. Quale delle due? Chi sei diventato o cosa vuoi diventare?
Sicuramente la mia é una sperimentazione più professionale che personale. Semplicemente perché non ricordo un singolo brano in cui non mi sia messo in gioco personalmente.
Se per quanto riguarda la sperimentazione di generi c’é di sicuro una sorta di forzatura alla base quando si parla di parlare di se non ho mai avuto dubbi. Trovo naturale mettere pezzi della mia vita nelle canzoni e non riesco a considerare questo “sperimentare” piuttosto lo considero un’esigenza di espressione e condivisione.
Sono diventato un cantautore più “coraggioso” di quanto mi aspettassi di diventare ma intimamente mi piacerebbe fare pace con la mia fame. E non parlo della fame di successo o di approvazione ma piuttosto della fame che mi porta a pensare ci sia sempre un modo migliore per dire quella cosa, una musica perfetta per quel concetto o un atmosfera diversa per raccontare e raccontarsi.

Da questo Ep uscirà un disco?
Con tutta probabilità sì! Sarà un EP che si é preso il tempo di diventare un disco come scrivevo prima. Ci sarà molta carne al fuoco ma sarà carne lasciata a marinare per un buon giorno e mezzo se mi si concede la metafora culinaria.

Commenti

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: